innergy

Padroneggiare le emozioni per iniziare a comunicare

Pensieri ed emozioni si manifestino attraverso parole o azioni generando energia, ma, come il geloso che, volendo dimostrare di voler bene alla sua amata, nell’emozione del momento anziché dirgli (come vorrebbe) “ti amo”, senza rendersene conto la offende, anche i nostri migliori intendimenti possono manifestarsi in modo spiacevole. A volte rischiamo di offendere chi amiamo, mentre ci facciamo abbindolare da chi non ci ama!

È solo un piccolo esempio, basta ad indicare che è fondamentale rompere questo circolo vizioso, non è intelligente continuare così. Ci fa solo star male! È utile imparare a riconoscere i nostri pensieri e padroneggiare le nostre emozioni per manifestare quello che – dentro – sentiamo veramente, per imparare a dire ti voglio bene, ti amo, per imparare ad abbracciare e ad essere abbracciati senza aspettative, senza secondi fini, perché in quel momento è giusto farlo, per sentirci felici e per far felici gli altri.

È utile sapere che padroneggiare le emozioni non significa controllarle e nemmeno reprimerle! Le emozioni e i sentimenti sono il sale della vita, ci saranno sempre ed è grazie a loro che facciamo esperienza. Ma dobbiamo averne nella giusta quantità (dove “giusto” è diverso per ognuno di noi). Troppe e troppo forti ci possono portare alle stelle staccandoci dalla realtà (tipo non avere i piedi per terra), poche o addirittura represse, ci possono portare all’apatia, alla rabbia e alla depressione, ma quando saremo in grado di vederle le riconosceremo e potremo scegliere, in funzione del momento, se tenercele per noi, manifestarle o semplicemente viverle consapevolmente.

Osservando e osservandoci, capiremo il momento giusto ed allora pensieri, parole e/o azioni saranno sempre più coerenti e in armonia e la giusta comunicazione avverrà di fatto.


Scritto da Roberto Calaon